CLOSE

This website uses cookies. By closing this banner or browsing the website, you agree to our use of cookies. CLOSE

TERMINI DA SAPERE

Questionario anamnestico: Modulo che il cliente deve compilare prima di stipulare una polizza malattia, e in cui deve dichiarare tutte le malattie che ha avuto in passato: se in malafede fornisce informazioni non veritiere, la compagnia assicuratrice può rifiutarsi di risarcirlo

Quietanza: Documento che comprova l’avvenuto pagamento del premio relativo alla polizza assicurativa

Quota: E’ l’unità di misura in cui è suddiviso il patrimonio delle forme pensionistiche complementari

Quota 100: Consente di ottenere la pensione anticipata a lavoratori dipendenti, autonomi e iscritti alla Gestione separata Inps che fra il 2019 e il 2021 maturano 62 anni di età e almeno 38 di contributi

Quota 41: Il pensionamento anticipato con “quota 41” può essere fruito soltanto dai cosiddetti “precoci” (coloro cioè che possiedono almeno 12 mesi di contributi da effettivo lavoro accreditati prima del diciannovesimo anno di età e che, per giunta, appartengono a una delle seguenti categorie tutelate: caregiver (chi assiste da almeno 6 mesi un familiare convivente, entro il primo grado - in casi specifici anche entro il secondo grado, portatore di handicap grave), invalidi civili dal 74% in su, disoccupati di lungo corso, addetti ai lavori gravosi, usuranti e notturni. Coloro che perfezionano i prescritti requisiti (41 anni di contributi, indipendentemente dall’età anagrafica), conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico decorsi tre mesi dalla maturazione degli stessi. Questi, quindi, percepiscono il primo assegno di pensione dal primo giorno di operatività bancaria del mese successivo all’apertura della relativa finestra mobile. Prendiamo come esempio un lavoratore precoce, invalido al 74%, a febbraio 2020 ha maturato 41 anni di contributi. Per via della “finestra”, ha incassato l’assegno Inps dal primo giugno 2020.

Quote (sistema delle): E’ la somma dell’età anagrafica e dell’anzianità contributiva minima di 35 anni, che consente ad alcune categorie di lavoratori di accedere al pensionamento anticipato.

1