CLOSE

This website uses cookies. By closing this banner or browsing the website, you agree to our use of cookies. CLOSE

A CHI SPETTA LA PENSIONE PER I SUPERSTITI

Quando muore un lavoratore o un pensionato, ai familiari superstiti spetta una quota di pensione diversa a seconda del grado di parentela. La prima (decesso di una persona in attività) si chiama pensione indiretta, la seconda pensione di reversibilitàNessun requisito contributivo è richiesto al pensionato, mentre se si tratta di un lavoratore in attività, per questo diritto è richiesto che il defunto possa far valere un minimo di 15 anni di contribuzione versati in qualsiasi epoca - cioè un minimo di cinque anni, di cui almeno tre versati nel quinquennio precedente il decesso.

I superstiti beneficiari possono classificarsi in tre gruppi: coniuge e figli, genitori, fratelli e sorelle. In sostanza, la pensione ai superstiti spetta:

1) al coniuge, anche se separato legalmente; 
2) ai figli minori di 18 anni; 
3) ai figli studenti di scuola media o professionale, di età non superiore a 21 anni, a carico del genitore al momento della morte e che non prestino lavoro retribuito; 
4) ai figli studenti universitari, a carico del genitore al momento della morte e che non prestino lavoro retribuito, per gli anni del corso legale di laurea e comunque non oltre il ventiseiesimo anno di età; 
5) ai figli di qualunque età, riconosciuti inabili e a carico del genitore al momento della morte;

La misura della pensione è stabilita in una quota dell’intero importo del trattamento già liquidato al lavoratore, o che a lui sarebbe spettato. Le quote sono le seguenti: 
1) coniuge solo, 60%; 
2) coniuge e un figlio, 80%; 
3) coniuge e due o più figli, 100%.

La pensione attribuita ai superstiti, qualora il beneficiario faccia parte di un nucleo familiare dove non ci siano figli minori, studenti o inabili, è corrisposta nella misura ridotta (vedovo/a da soli)
1) del 75% in presenza di redditi imponibili Irpef d’importo annuo superiore a tre volte il trattamento minimo Inps; 
2) del 60% in presenza di redditi superiori a quattro volte il minimo; 
3) del 50% in presenza di redditi imponibili Irpef d’importo annuo superiore a cinque volte il trattamento minimo.

 

Pensione ridotta in base al reddito della vedova
 

Reddito Irpef coniuge vedovo

Riduzione reversibilità

Fino a € 20.309

Nessuna

Oltre € 20.309 fino a € 27.266

25%

Oltre € 27.266 fino a € 34.083

40%

Oltre € 34.083

50%